• Accreditato da
  • Con la sponsorizzazione non condizionante di

Presentazione

RAZIONALE SCIENTIFICO

La Psoriasi (PsO) è una malattia infiammatoria cronica immuno-mediata caratterizzata dalla presenza di placche eritematose desquamanti pruriginose e talvolta dolenti che possono interessare aree più o meno estese della superficie cutanea. La psoriasi a placche è la variante più comune di PsO, caratterizzata dall’alternanza di esacerbazione e remissione di un quadro clinico costituito da ispessimento, arrossamento e desquamazione cutanea che, nella maggior parte dei casi, coinvolge la superficie estensoria degli arti e il tronco. Non si può definire la PsO una malattia solo cutanea, si parla infatti di malattia psoriasica con coinvolgimento di vari organi e tessuti. Circa 2/3 dei pazienti presentano infatti un interessamento a livello ungueale, del cuoio capelluto, palmo-plantare e non per ultimo un coinvolgimento di tipo articolare con manifestazioni tipiche dell’artrite psoriasica. L’artrite psoriasica (PsA) è una artrite infiammatoria che si associa alle manifestazioni cutanee della psoriasi. Si stima che la prevalenza dell’artrite psoriasica nella popolazione generale sia dello 0,25%, mentre recenti studi riportano una prevalenza variabile dal 5% al 48%, con una media realistica del 30-40% nei soggetti affetti da psoriasi. Il percorso diagnostico dei pazienti affetti da PsA è spesso complicato da notevoli ritardi secondari per scarsa conoscenza della sintomatologia che caratterizza spesso l’esordio di tale patologia. In questo caso il dermatologo assume un  ruolo strategico in quanto la psoriasi generalmente precede l’artrite di alcuni anni fornendo allo specialista l’opportunità unica di identificare precocemente i pazienti ad aumentato rischio di progressione che potrebbero beneficiare di un approccio terapeutico precoce atto a ritardare, attenuare o prevenire l’esordio della malattia sinovio-entesale e la conseguente disabilità. In questo scenario si inserisce il MMG che rimane il primo approdo del paziente quindi colui che meglio potrebbe favorire la diagnosi precoce per questi pazienti.  Pertanto, l’obiettivo di TOP CARING è quello di definire modalità di collaborazione tra Dermatologi/Reumatologi e MMG condividendo scelte e percorsi comuni per il paziente con dubbio diagnostico di malattia psoriasica PSO o PsA.

 

OBIETTIVI FORMATIVI

L'obiettivo di Top Caring è quello di definire una modalità di collaborazione tra Dermatologi/Reumatologi e Medici di Medicina Generale condividendo scelte e percorsi comuni per il paziente con dubbio diagnostico di malattia psoriasica (PSO) o artrite psoriasica (PsA). Pertanto, il progetto prevede un flusso strategico per il paziente che, in 4 principali step, aiuti il processo della presa in carico dal territorio al centro ospedaliero.

Il paziente, una volta recatosi presso il proprio Medico di Medicina Generale e dopo aver compilato una scheda di valutazione (a seconda che si tratti di psoriasi o di artrite psoriasica), verrà indirizzato verso lo Specialista Dermatologo o Reumatologo del Centro Ospedaliero coinvolto nel progetto.

Successivamente, lo Specialista Dermatologo o Reumatologo riceverà, se possibile, il paziente in degli slot di visita dedicati e, una volta effettuata la visita, completerà la scheda (che il paziente avrà portato con se) con un quadro diagnostico preciso. La scheda opportunamente compilata passerà quindi al Tutor (medico o infermiere della struttura coinvolta) che inserirà tutti i dati ricevuti dallo Specialista in un database, organizzandone l'elaborazione durante i 3 mesi di monitoraggio e indicando il n° pazienti coinvolti e dati clinici di riferimento.

In questo modo sarà garantito per il paziente un monitoraggio e una presa in carico efficace con un percorso virtuoso Territorio-Ospedale.

Programma

Informazioni

Obiettivo formativo

3 - Documentazione clinica. Percorsi clinico-assistenziali diagnostici e riabilitativi, profili di assistenza - profili di cura

Procedure di valutazione

Questionario di Valutazione ECM online (da compilare entro 3 giorni dalla fine dell’evento)

Responsabili

Responsabile scientifico

  • PD
    Dott. PAOLO DAPAVO
    Dirigente Medico I° livello Dermatologia presso la Clinica Dermatologica Azienda ospedaliera Citta’ della Salute e della Scienza U

Relatore

  • CC
    Dott.ssa CATERINA CARITI
    Specialista in Dermatologia e venereologia - Ospedale dermatologico San Lazzaro, TORINO
  • PD
    Dott. PAOLO DAPAVO
    Dirigente Medico I° livello Dermatologia presso la Clinica Dermatologica Azienda ospedaliera Citta’ della Salute e della Scienza U
  • VP
    Dott.ssa VALENTINA PALA
    "Laurea magistrale in biotecnologie molecolari LM-9 RUOLO: Study coordinator presso SC Dermatologia U" AOU TORINO

Elenco delle professioni e discipline a cui l'evento è rivolto

Medico chirurgo

  • Dermatologia e venereologia
  • Medicina fisica e riabilitazione
  • Medicina interna
  • Ortopedia e traumatologia
  • Reumatologia
leggi tutto leggi meno

Allegati

Localizzazione