AVVISO IMPORTANTE

Corso Live
1° FASE - FAD SINCRONA 03 dicembre 2020 - dalle ore 17.30 alle ore 19.30

2° FASE - FORMAZIONE SUL CAMPO - dal 30 Gennaio al 30 Giugno 2021
  • Accreditato da
  • Con la sponsorizzazione non condizionante di

Presentazione

Passata l’emergenza coronavirus, che sta mostrando tutti i limiti della sanità tradizionale, non potrà mancare una chiara scelta verso il digitale e una regia nazionale per costruire un sistema predittivo, partecipativo, personalizzato e preventivo. Per la Sanità italiana esisterà  un «prima e un dopo» COVID 19.

Nel clima di allarme generale instauratosi in tutto il globo, a circolare altrettanto rapidamente del COVID 19 sono state la disinformazione e la confusione in merito alla reale pericolosità di questo nuovo agente virale. Specialmente per quel che riguarda le malattie rare. Per inquadrare meglio la situazione occorre dunque fare ordine e partire da che cos’è questo nuovo virus e dalle sue caratteristiche e da come questo si interfaccia con le patologie respiratorie preesistenti come la Fibrosi Polmonare Idiopatica ( IPF).

Le Polmoniti Interstiziali Idiopatiche sono un gruppo eterogeneo di affezioni polmonari incluse nella più ampia famiglia delle Malattie Polmonari Interstiziali Diffuse ILD, che comprende più di 200 diverse pneumopatie. Tra queste, la Fibrosi Polmonare Idiopatica ( IPF) è definita come una forma specifica di polmonite interstiziale fibrosante ad eziologia sconosciuta, con andamento cronico e progressivo.  L’IPF può essere sospettata sulla base dei sintomi, dei segni clinici e dei reperti radiologici. I successivi passaggi del percorso diagnostico di IPF includono una valutazione clinica più approfondita, una HRCT e, in alcuni casi, un approccio di tipo chirurgico (VATS o biopsia chirurgica).La diagnosi di IPF richiede un’accurata integrazione degli elementi clinici, radiologici, anatomo patologici e anche psicologici che saranno analizzati da un team multidisciplinare. A tal proposito, un team multidisciplinare efficiente dovrebbe prevedere la presenza di operatori sanitari collaboranti sia  nella comunicazione che nella relazione operatore sanitario-paziente  visto che questa costituisce un veicolo di aiuto soprattutto nell’ambiente in cui si diagnosticano malattie serie come le IPF.

 

OBIETTIVI FORMATIVI

La qualità e l’efficacia dei servizi sono quindi  determinati prima che dal rapporto del singolo operatore-paziente, dai rapporti multidisciplinari e multidirezionali che si sviluppano in una buona organizzazione. Ma è altresì importante acquisire uno stesso linguaggio in tema di emozioni, sentimenti, partecipazioni e dare particolare attenzione al modo e al luogo in cui viene data l’informazione al paziente , che deve essere assolutamente personalizzata. Il sostegno è il modo di impostare la relazione, la capacità di porre sé stessi nella mente della paziente sforzandosi di guardare le cose dal suo punto di vista. Un aspetto che richiede particolare attenzione riguarda infatti la comunicazione tra l’operatore sanitario ed il paziente che costituisce un veicolo di assoluto aiuto per quest’ultimo. Per questo motivo è molto importante l’approccio dello Psicologo,  sia da parte del malato ed eventualmente dai suoi familiari, sia da parte dello staff sanitario durante il percorso integrato di cura. Tanto più in era COVID 19 questa figura specialistica diviene fondamentale e di grande sostegno non solo per il paziente ma anche per lo specialista al centro del sistema di cura.

 

Programma

17:15-17.30         Registrazione Online dei partecipanti su piattaforma

17.30-17.40         Apertura dei lavori ed introduzione al Corso -  C. Ravaglia

17.40-18.10         L’approccio multidisciplinare alla diagnosi di IPF:  il ruolo della formazione e dell’ informazione                                              C. Ravaglia

18.10-18.30         Migliorare la compliance al trattamento medico in pazienti con IPF in fasi diverse del decorso clinico                                    C. Ravaglia

 

Lo psicologo come counselor al servizio dello specialista MEDICO ed INFERMIERE  

 

18.30-18.45          Tenuta psicologica dei clinici alla luce del trauma post COVID-19 -  E. Poli

18.45-19.00          Come diminuire il senso di smarrimento e di incontrollabilità del paziente e della sua famiglia -  E. Poli

19.00-19.15          Gestione emotiva del paziente IPF: il valore della comunicazione  - E. Poli

19.15-19.30          Discussione Interattiva: Questions & Answer - C. Ravaglia ; E. Poli

19.30                      Conclusione del corso live

                                Calendarizzazione degli incontri di FSC con lo psicologo -  E. Poli

                                Verifica di apprendimento online dei partecipanti

 

Formazione Sul Campo - Dal 04 Dicembre 2020 al 30 Aprile 2021 - c/o Ospedale "G.B. Morgagni L. Pierantoni" - Forlì (12 h formative)

 

Tutor PSICOLOGO:  Dott.ssa E. Poli

Informazioni

Obiettivo formativo

3 - Documentazione clinica. Percorsi clinico-assistenziali diagnostici e riabilitativi, profili di assistenza - profili di cura

Mezzi tecnologici necessari

Connessione Internet, Pc o Tablet

Procedure di valutazione

Questionario di valutazione Ecm

Responsabili

Responsabile scientifico

  • CR
    Dott.ssa CLAUDIA RAVAGLIA
    Dirigente medico presso l'U.O. di Pneumologia - Ospedale G.B.Morgagni-L.Pierantoni - Forlì

Docente

  • EP
    Dott.ssa ELENIA POLI
    "Equipe di pneumologia nel trattamento dei pazienti affetti da IPF"- Ospedale G.B.Morgagni-L.Pierantoni - Forlì
  • CR
    Dott.ssa CLAUDIA RAVAGLIA
    Dirigente medico presso l'U.O. di Pneumologia - Ospedale G.B.Morgagni-L.Pierantoni - Forlì

Tutor

  • CR
    Dott.ssa CLAUDIA RAVAGLIA
    Dirigente medico presso l'U.O. di Pneumologia - Ospedale G.B.Morgagni-L.Pierantoni - Forlì

Elenco delle professioni e discipline a cui l'evento è rivolto

Medico chirurgo

  • Allergologia ed immunologia clinica
  • Geriatria
  • Malattie dell'apparato respiratorio
  • Medicina interna
  • Radiodiagnostica

Infermiere

  • Infermiere
leggi tutto leggi meno

Allegati

Localizzazione

  • Dal 30 Gennaio al 30 Giugno 2021
  • Ospedale Morgagni - Pierantoni
  • Via Carlo Forlanini, 34, 47121 Forlì (FC)
  • Tel. 0543 731111
  • Visualizza sulla mappa

I Discenti parteciperanno in maniera attiva alla formazione sul campo che si comporrà di N. 1 incontro al mese della durata di 2 ore cad per un totale di 6 incontri e di 12 h formative complessive per il discente. Gli incontri saranno calendarizzati per migliorare l’accessibilità e di conseguenza il servizio e saranno calendarizzati. Gli incontri potranno essere individuali ed in piccoli gruppi di massimo 3 dicenti per volta. Il Tutor/Psicologo insieme ai discenti potranno, in presenza del paziente, mettere in atto la strategia comunicativa condivisa durante il Webinar e sperimentarne praticamente gli esiti.